Aper Labronicus

Vai ai contenuti


ACCAMPAMENTO
Il “campo” rappresenta il nucleo della nostra attività rievocativa. Qui noi lavoriamo, cuciniamo, dormiamo e ci alleniamo; ricreando quella che poteva essere la vita di un accampamento di mercenari.
L’assenza di reperti (a causa della deteriorabilità dei materiali) e le pochissime fonti iconografiche mettono a dura prova ogni gruppo storico che voglia ricostruire un accampamento militare. È necessario quindi riunire informazioni frammentarie provenienti da diverse fonti per arrivare ad avere un accampamento quanto meno plausibile per l’epoca che andiamo a ricostruire.


DIDATTICA
Parlare di "Storia" non sempre riesce facile e fin troppo spesso l’auditore viene intimorito e assalito da noiose reminescenze scolastiche. Il nostro intento è quello di far avvicinare chi ci ascolta a quella storia fatta di uomini e donne e non di "grandi eventi". E perché ciò sia possibile è necessario interagire con il pubblico, conoscerlo, per poter prospettare "i fatti" in maniera originale adattandoli ai fruitori nei modi e con il lessico più appropriato. Ed è con questo spirito che ci approcciamo a trasmettere la nostra passione per la storia a chi ci ascolta, siano gli avventori di una sagra paesana, gli alunni di una scuola, o i partecipanti a un festival di letteratura…


CERUSICO
Con il titolo di Cerusico si intendeva una persona che eseguiva operazioni di piccola chirurgia, salassi o l’estrazione dei denti. Ovvero un titolo con cui per molti secoli si indicavano i chirurghi, mestieranti dotati di buona tempra, mani affusolate, buona velocità di esecuzione e manualità. L’utilità di tale figura al seguito di una compagnia d’arme è facilmente intuibile.
Attraverso lo studio dei trattati di medicina e anatomia e l’osservazione dei reperti è possibile ricostruire le tecniche più comuni usate per far fronte a numerose patologie seguendo le teorie dell’epoca.


SCRIPTORIUM
Mentre alla corte dei grandi signori venivano commissionate opere pittoriche di varia natura, tra cui ritratti, quadri e pitture su tavola, spesso all’interno dei monasteri o in prossimità di biblioteche e centri culturali si trascrivevano testi antichi e miniature; un mondo questo che si cerca di riportare all’attualità presentando, tramite lo studio del “Libro sull’arte” di Cennino Cennini (fine 1300 circa), gli strumenti e le tecniche dell’epoca, cui molte ancora risultano attuali. Bambini e visitatori potranno provare la scrittura con canapo, piuma d’oca, inchiostro ferrogallico, potranno toccare i colori in polvere e i diversi materiali su cui si scriveva e dipingeva, per un’esperienza che li riempirà di fascino e meraviglia e che li guiderà in un “dietro le quinte” delle principali opere letterarie e pittoriche dell’epoca.


RINASCIMENTO
Il medioevo rappresenta sicuramente un’epoca affascinante e di fondamentale importanza nella formazione della struttura societaria della futura Europa, tuttavia per l’Italia, e in particolar modo per la Toscana, fu il Rinascimento a rappresentare il vero punto di svolta verso la civiltà moderna. Gli studi condotti e la passione per la Storia ci hanno portato ad avvicinarci anche a quest’epoca permettendoci di ricostruire un accampamento lanzichenecco del tardo ‘500.
Torna ai contenuti